1997 (clicca qui)

Inizia la grande avventura radiofonica

Studiavo da poco canto lirico, per pagare gli studi lavoravo come hostess in fiere e negozi specializzati, quando un giorno incontro un conoscente che m’invita a visitare la radio con la quale sta collaborando.

Io, presa da mille cose, in quel momento archivio la possibilità. Passa un anno, incontro nuovamente il mio amico che esordisce dicendo “non sei mai passata in radio! Guarda che potrebbe piacerti, secondo me tu saresti portata, perché non vieni a visitarla? Fra l’altro è vicinissima alla tua scuola di musica. Passa a trovarci, magari ti appassioni”. Medito sul fatto che le belle occasioni non si ripresentano mille volte e che sarà il caso di fare un salto. Messo piede in radio, scopro un mondo che mi piace proprio tanto ed inizio a cimentarmi nel ruolo della speaker con prove su prove, esperimenti sul microfono e sull’effetto che ha sulla mia voce; mi registro, correggo e riprovo. Per fortuna ci sono colleghi più esperti di me che mi danno suggerimenti e aggiustano il tiro dei miei interventi, fra un brano e l’altro. Dopo un po' di mesi di pratica, il volontariato e dopo un anno, la notizia che la speaker del mattino lascerà il suo ruolo. Mi chiedono se vorrò prendere il suo posto. Secondo voi ho accettato?